DIY | Halloween: riciclare è bello e creativo

DIY - Halloween

Condividi

Anche quest’anno è arrivata la mia festa preferita: Samhain, conosciuta ai più come Halloween. In questo articolo vi propongo un DIY, ma se volete approfondire, vi abbiamo raccontato un po’ di cosette sulle tradizioni e la storia di zucche e affini qui e qui.

Partiamo con il DIY, cioè Do It Yourself, zuccoso. Adoro le zucche, ve ne siete accorti? E mi piace costruire le cose da me, senza comprare quella roba tutta uguale nei negozi fatta di plastica che dimenticherò dopo due giorni. No, io sono per il crearsi le cose da soli, sporcandosi le mani: le apprezzi di più quando sai quanta fatica c’è dietro.

Ciancio alle bande, prendiamo pennelli, tempera e creatività e iniziamo quest’avventura!

Fase 1 – Ricicliamo i contenitori

Fase 1 - I contenitori riciclati
Fase 1 – I contenitori riciclati

In casa, abbiamo tutti (anche se dovremmo iniziare a comprare roba sfusa, ne parliamo in un altro post) legumi in scatola, passata di pomodoro, mais, insomma quelle cosine per preparare un’insalata veloce quando non si ha voglia né tempo di cucinare.

Sono comodi, certamente, ma non esattamente ecologici. Ci fanno produrre un sacco di spazzatura a cui poi si aggiungono le decorazioni di Halloween che useremo una volta e butteremo via. Non ditemi che non è capitato anche a voi, perché non vi credo. Personalmente, sono stufa di inquinare il pianeta, quindi da qualche anno le decorazioni me le creo da sola, divertendomi e riciclando.

Vedete i contenitori della foto? Li ho conservati per un mese, in attesa di farci qualcosa di creativo. Forza, rovistate anche voi nel secchio della plastica e dell’alluminio (che dovrebbe essere pulito, se siete stati bravi a fare la differenziata) e mettete il vostro bottino sul tavolo da lavoro. Il mio è pronto!

Fase 2 – Sporchiamoci le mani

Fase 2 - La prima mano di pittura
Fase 2 – La prima mano di pittura

Dopo aver preparato i contenitori, bisogna trovare il colore. Io ho usato una tempera a base d’acqua, quella che usano i bambini alle elementari, per capirsi. In questo modo, dato che sono sbadata, se macchio vestiti o arredamento sono sicura che con un po’ acqua verrà via tutto. Non consiglio la vernice spray, per due motivi: se ne spreca un sacco e si ha bisogno di un posto ampio e all’aperto per usarla, che non tutti hanno. E poi puzza ed è tossica, bleah!

Avete trovato tutto? Se non avete i pennelli, va bene anche una spugna, che bagnerete un po’, immergerete nel colore e picchietterete sui contenitori. Visto quante soluzioni vi do?

Data la prima mano, vi accorgerete che non avrà coperto per bene. Aspettate che asciughi (non ci vorrà molto, giusto un’oretta) e poi datene una seconda. Se non siete ancora soddisfatti, passate alla terza. Io, di solito, mi accontento di due.

Fase tre – Viva la fantasia!

Fase 3 - La decorazione
Fase 3 – La decorazione

Ora arriva la parte divertente: si decora! Io ho creato delle zucche, ma potete sbizzarrirvi anche con altro. Ad esempio, potreste dipingere i barattoli di nero e disegnarci dei pipistrelli. Oppure di viola e disegnarci dei cappelli da strega o dei ragni. Pinterest regala sempre un sacco di idee, ho preparato un album proprio per voi: clicca qui. Non vi viene voglia di pitturare tutta casa?

Come si nota dalla foto, per disegnare le zucche ho usato un pennellino più piccolo, ma c’è anche un altro modo. Potete stampare delle immagini e ricavarne degli stampi da attaccare sul barattolo e riempire con il colore (un esempio qui). Basta ritagliare la parte nera in modo che sul foglio rimanga un buco della forma esatta della zucca, strega o pipistrello che sia, poggiatelo sul barattolo, fermatelo con dello scotch carta (quello di plastica tira via il colore, attenti!), riempite di colore, aspettate che si asciughi, togliete il foglio, et voilà!

Fase bonus – La Mod Podge

Bonus - Asciugatura Mod Podge
Bonus – Asciugatura Mod Podge

Questo non è un passo obbligatorio. Io sono abituata a farlo, quindi ve lo dico, ma potete anche lasciare i barattoli semplicemente pitturati e via.

Per fissare il colore, passo uno strato di Mod Podge (la trovate qui). Nello specifico, quella Matte, che preferisco al lucido. Se decidete di farlo, dovete lasciare ad asciugare circa 24 ore, se non volete che mezza casa vi si appiccichi al barattolo. Tranquilli, anche la Mod Podge è a base d’acqua, non vi distruggerà le mani come il super attack.

Fase 4 – Et voilà!

Fase 4 - Il risultato
Fase 4 – Il risultato

Una volta asciugato il tutto, potete riempire i barattoli con quello che volete. Io avevo queste decorazioni e mi sono sembrate perfette. Ho aggiunto anche foglie secche e pigne, su cui ho spruzzato l’acqua di lavanda preparata con le mie manine. In teoria, sarebbe più in tema utilizzare profumi come la cannella e l’arancia, ma io odio profondamente la cannella, quindi ho optato per qualcosa di più fresco.

Tutto chiaro? Se avete dubbi o domande, vi basta scrivere un commento. E, se vi va, potete anche condividere le vostre foto qui sotto e farmi vedere i vostri capolavori.

Al prossimo guizzo di creatività. Ciao!

Condividi

Tag:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.