Scribacchio

Come vive uno scrittore

Parliamoci chiaro: ci sono (e ci sono stati) troppi scrittori nel mondo per poter fare di tutta l’erba un fascio. Quelle liste delle “cose che fa uno scrittore” sono ridicole, non andranno mai bene per tutti. Perché se le persone sono tutte diverse, figuriamoci gli scrittori. Ve la do io una bella infarinata di come vive uno scrittore e ve la do nel modo più soggettivo che esista: dal mio punto di vista, con una lente d’ingrandimento e un faretto piantati sopra la testa. Niente roba poetica o costruita, la verità in tutto il suo folle splendore. Ready? Go!Leggi tutto »Come vive uno scrittore

Accade solo nei libri

È sabato. Torni a casa dopo una giornata fuori e ti metti comoda, in tuta. Alzi la temperatura dei termosifoni perché stranamente oggi fa freddo, di solito giri a mezze maniche. Non ci sei abituata a questa cosa, ma a Milano funziona così. Le case sono calde, non hai bisogno di vestirti come se andassi sulla neve ogni giorno. Accendi un bastoncino d’incenso e le luci decorative che ancora non hai tolto da Yule: ti piacciono troppo e probabilmente rimarranno lì fino all’estate. Ti siedi sul divano, apri il computer, il file word del libro che stai scrivendo, la solita pagina bianca che si riempirà di così tanti sentimenti da perderne il conto. Diventerà un altro pezzettino del tuo sogno.
Poi ti fermi. Sei lì, bloccata, come se qualcuno avesse suonato un campanello nella tua testa e fossi indecisa sull’andare ad aprire o rimanere dove sei. Cosa c’è di diverso dagli altri giorni, mesi, anni che hai passato fra candele, storie e desideri? Cosa ti fa sentire così diversa?

Leggi tutto »Accade solo nei libri